11 Apr

Jubilee bull, Misericordiae Vultus – April 11th, 2015 (live video recording)

April 11th, 2015: presentation of the papal bull with which Pope Francis will officially proclaim the Jubilee.
The bull’s title is Misericordiae Vultus.

As announced, it will be possible to receive the indulgence also if not in Rome.

In his bull, Pope Francis declares he chose this symbolic date, December 8th, 2015 since it is the 50th anniversary of the end of the 2nd Vatican Council.

The Misericordiae Vultus bull was published on the official Vatican website at the beginning of the ceremony.

Extraordinary Jubilee bull

Bolla Giubileo 2015-2016

Jubilee bull – The bull which proclaims the Jubilee of Mercy was announced on March 13th and publicly confirmed on April 11th, 2015 in a ceremony which started at 5.30 p.m. in Saint Peter’s Basilica.

The ceremony started with the Pope reading the bull right in front of the Holy Door. Then, Pope Francis officiated the first vespers of the Divine Mercy Sunday and highlighted the main topic of the extraordinary Holy year.

Read More

11 Apr

Bolla Giubileo, Misericordiae Vultus – 11 aprile 2015 (Diretta video)

11 aprile 2015: oggi è prevista la pubblicazione della Bolla con la quale Papa Francesco convocherà ufficialmente il Giubileo.

La Bolla si intitola Misericordiae Vultus.

L’indulgenza, come annunciato, si potrà ottenere anche fuori da Roma.

Nella bolla, Papa Francesco dice di aver scelto volutamente questa data simbolica dell’8 dicembre 2015, perché si celebra il 50° anniversario della fine del Concilio Vaticano II.

La bolla Misericordiae Vultus è stata pubblicata, all’inizio della celebrazione, sul sito ufficiale del Vaticano.

Bolla Giubileo straordinario

Bolla Giubileo 2015-2016

Bolla Giubileo – La Bolla d’indizione del Giubileo della Misericordia, dopo l’annuncio del 13 marzo, verrà resa pubblica da Papa Francesco l’11 aprile 2015 in un rito che comincerà alle 17.30 nella Basilica di San Pietro.

In apertura della celebrazione, si provvederà alla lettura di alcuni brani della Bolla, proprio davanti alla Porta santa. Poi Papa Francesco, presiendendo i primi vespri della Domenica della Misericordia, sottolineerà il tema fondamentale dell’anno santo straordinario.
Read More

01 Apr

What is Indulgence? The historical explanation

Before explaining the meaning of indulgence according to the catholic religion, it is important to start from the concept of Sin. Every time a worshipper offends God, disregarding his teachings, he commits a Sin. There are two different categories: the original and the actual Sin.

The original Sin was committed by Adam who disobeyed God and it is inherited by each man at his birth and cancelled through the sacrament of Baptism.

The actual Sin, on the other hand, is committed willingly through “thoughts, words, deeds and omissions” and it is divided into two further categories: the mortal and the venial Sin.

The mortal and the venial Sin

The mortal Sin consists of a severe disobedience to the law of God, committed with resolute will. Cursing against God, not taking part in the Sunday church service and adopting a lifestyle against the Christian precepts are some examples of mortal Sins. The only way to re-earn God’s mercy after committing a mortal Sin is to rue through sacramental confession.

The venial Sin also consists of a disobedience to the law of God but with no awareness nor consent when committing the Sin. In this case, regret and good deeds are sufficient to prove repentance with no need to draw upon the sacramental confession.

What is the temporal punishment?

A Sin always implies a detachment from God and therefore the eternal punishment which can be cancelled through the sacramental confession. To obtain true forgiveness it is necessary to purify the soul by an atonement consisting in the temporal punishment. A sinner who proves sincere repentance can have the consequences of his sin cancelled thanks to the doctrine of indulgence.

What is indulgence? Historical overview

What is indulgence? Historical overview

The history of indulgence in catholic religion

Indulgence is a total or partial absolution of the temporal punishment. Its implementation has changed throughout time and can be divided into four main phases. Initially, from the apostolic age to the 8th century, indulgence could be obtained through martyrs’ supplication at the point of death.

They asked the bishops to cancel the temporal sin of one or more penitents in their writings (supplices belli Martyrum). The martyrs’ sacrifice relieved the sinners from the burdensome path of public penance to obtain the redemption of sins. Also those who had refused faith and were condemned to severe punishments could ask the bishops indulgence sending them a sort of recommendation letter (libellum pacis) by means of their confessors. Since the 8th century, punishments became less strict and, above all, the path of penance became private, allowing also those who took part in Crusades or in a pilgrimage such as the first Jubilee to obtain Indulgence. In that occasion Pope Boniface VIII gave indulgence to pilgrims visiting Saint Peter’s and Saint Paul’s Basilicas. The third phase goes from the 14th to the 16th century when the Church overindulged in giving indulgences that were often bought with money that was supposed to represent the sinners’ repentance. Exactly those indulgences obtained through money payment led Martin Luther to start his Protestant Reformation (1517). The catholic Church put an end to “the market for indulgences” at the Council of Trent (1545-1563) which was convened in the attempt to reconcile the catholic and the protestant Churches forbidding the collecting of aims and repealing the figure of professional pardoners (quaestores in Latin).

The forth and last phase is the contemporary age which started with the Council of Trent and was reaffirmed by Pope Paul VI’s Reform (1967) which definitively ruled the concession of indulgences by means of the “Indulgentiarum doctrina et usus”.

Plenary and partial indulgence

Plenary indulgence (from Latin plenus) frees the sinner from the whole burden of the temporal punishment hailed from his sins. It is an extraordinary concession given in special occasions such as the Jubilee, or during a papal election as it happened for Pope Francis. Before 2000, to receive Indulgence, believers had to be physically present in Saint Peter’s square at the moment of the new Pope’s benediction or go to Rome during a Jubilee and visit Saint Peter and Paul’s Basilicas. John Paul II put an end to this custom, granting plenary indulgence also to those connected via Radio or Television

Partial indulgence is given by the ecclesiastical authority to those sinners who proved to have distanced themselves from the evil by asking for God’s forgiveness, by making themselves at the service of the others or by willingly deprive themselves of a pleasure, proving their spirit of sacrifice in the name of God.

Plenary Indulgence: how it works

In order to receive the plenary indulgence you must be catholic and baptised, of course, and therefore freed from Adam’s original Sin. You must also confess and take part in the Holy communion within 7 days before or after the benediction. Obviously, praying according to the Pope’s intentions is also essential.

01 Apr

Cos’è l’Indulgenza? La spiegazione partendo dalla storia

Prima di spiegare cosa sia l’Indulgenza per la religione cattolica è bene partire dal concetto di Peccato. Ogni qualvolta un credente offende Dio, disobbedendo ai suoi insegnamenti, commette un Peccato. Esistono due categorie diverse: il peccato originale e quello attuale. L’originale è quello che commise Adamo disobbedendo a Dio, che ogni uomo eredita da lui nascendo e che si cancella con il sacramento del Battesimo.

Il peccato attuale è invece quello che si commette volontariamente con “pensieri, parole, opere ed omissioni” e a sua volta è caratterizzato da due categorie diverse: il peccato mortale e quello veniale.

Il Peccato: mortale e veniale

Il peccato mortale consiste in una grave disubbidienza alla legge di Dio, commessa con ferma volontà. Tra i peccati mortali rientrano gli insulti rivolti a Dio, ma anche non partecipare alla funzione religiosa domenicale, così come adottare uno stile di vita contrario ai precetti cristiani. In caso di peccato mortale l’unico modo per riconquistare la grazia di Dio è quello di pentirsi passando attraverso la confessione sacramentale.

Il peccato veniale consiste sempre in una disubbidienza alla legge di Dio, ma senza che ci sia stata avvertenza e consenso a sostenerla nell’atto del compimento. In questo caso sono sufficienti il pentimento e le opere buone per dimostrare il proprio ravvedimento, senza bisogno della confessione sacramentale.

Cos’è la pena temporale?

Nel peccato c’è insito il distacco da Dio e quindi la pena eterna, che si cancella con la confessione sacramentale. Per ottenere il vero perdono è necessaria una purificazione dell’anima, che passa attraverso una penitenza consistente in una pena temporale. Un peccatore che ha dimostrato sincero pentimento può veder cancellate le conseguenze del proprio peccato attraverso la dottrina dell’Indulgenza.

Cos’è l’Indulgenza? Cenni storici

cos'è l'indulgenza plenaria?

La storia dell’Indulgenza nella religione cattolica

L’Indulgenza consiste in una remissione parziale o totale della pena temporale, la cui applicazione è mutata nell’arco del tempo che si può suddividere in quattro periodi. Inizialmente, dall’età apostolica fino all’VIII secolo, la concessione delle indulgenze la si poteva ottenere attraverso le suppliche dei martiri in punto di morte che, con i loro scritti (supplices belli Martyrum), chiedevano ai vescovi di annullare la pena temporale di uno o più penitenti. Il sacrificio dei martiri sollevava i peccatori dal gravosissimo percorso di penitenza pubblica per conquistare la redenzione dei peccati. Anche chi aveva rifiutato la fede e veniva condannato a severe penitenze poteva chiedere indulgenza ai vescovi, facendo arrivare a loro una sorta di biglietto di raccomandazione (libellum pacis) attraverso i loro confessori. A partire dall’VIII secolo la severità delle penitenze si attenuò e soprattutto il percorso di espiazione divenne privato, permettendo la concessione dell’Indulgenza anche a quanti avevano partecipato alle crociate oppure avevano intrapreso un pellegrinaggio come nel caso del primo Giubileo, in occasione del quale Papa Bonifacio VIII concesse l’Indulgenza ai pellegrini che si recavano a Roma per visitare le Basiliche di Pietro e Paolo. Il terzo periodo va dal XIV al XVI secolo quando la chiesa abusò nella concessione di indulgenze, in molti casi comprate con denaro che avrebbe dovuto simboleggiare il ravvedimento dei peccatori. Proprio le indulgenze concesse dietro pagamento spinsero Martin Lutero a dare vita alla sua Riforma Protestante (1517). La chiesa cattolica pose fine al “mercato delle indulgenze” con il Concilio di Trento (1545-1563), indetto proprio per tentare di riconciliare la chiesa cattolica con quella protestante, proibendo le questue e abolendo la figura dei quaestores di indulgenze. Il quarto ed ultimo periodo è quello considerato contemporaneo, iniziato proprio con il Concilio di Trento e rafforzato dalla riforma di Papa Paolo VI del 1967 che regolò definitivamente la concessione delle indulgenze con il “Indulgentiarum doctrina et usus“.

Indulgenza plenaria e parziale

L’Indulgenza plenaria (dal latino plenus) è ovviamente quella che libera il peccatore dall’intero fardello della pena temporale figlia dei propri peccati. Si tratta di una concessione straordinaria che viene fatta in occasioni particolari quali il Giubileo, oppure anche per un’elezione papale come nel caso di Papa Francesco. Prima del 2000 per ricevere l’Indulgenza i fedeli dovevano essere fisicamente presenti in Piazza San Pietro nel momento della benedizione del nuovo Papa, oppure recarsi a Roma in anno giubilare per visitare le Basiliche di Pietro e Paolo. Giovanni Paolo II ruppe questa consuetudine, garantendo Indulgenza plenaria anche a quanti erano collegati tramite Radio e Televisione.

L’indulgenza parziale è quella che l’autorità ecclesiastica concede al peccatore che ha dimostrato di essersi allontanato dal male invocando il perdono di Dio, ma anche mettendosi al servizio degli altri o privandosi spontaneamente di un piacere dimostrando lo spirito di sacrificio in nome di Dio (il cosiddetto ‘fioretto’).

Indulgenza plenaria: come funziona?

Per ricevere l’Indulgenza Plenaria bisogna ovviamente essere cattolici battezzati e quindi essere stati liberati dal peccato originale di Adamo. C’è inoltre bisogno di confessarsi e di prendere parte alla comunione eucaristica al massimo 7 giorni dopo (o 7 giorni prima) il momento della concessione dell’Indulgenza Plenaria. Ovviamente è indispensabile anche la preghiera secondo le intenzioni del Papa.