21 nov

Giubileo: la chiusura della Porta Santa

Il Giubileo 2015-2016 è finito.

L’anno santo, il Giubileo della Misericordia, voluto da Papa Francesco, è finito il 20 novembre 2016 con la cerimonia di chiusura della Porta Santa di San Pietro, l’ultima delle porte sante a chiudersi secondo la liturgia che caratterizza questi anni “eccezionali” (il primo dei quali, va ricordato, è stato il Giubileo del 1300, voluto da Bonifacio VIII).

L’evento non è stato d’impatto come il Giubileo del 2000, anche perché, come noto, era possibile ricevere l’indulgenza anche senza essere fisicamente presenti a Roma, seguendo una delle celebrazioni attraverso i media oppure passando attraverso una delle tante “porte sante” aperte in tutto il mondo.

Nel corso della celebrazione finale, coerentemente con la propria visione spirituale, Bergoglio ha ricordato che la chiusura della Porta di San Pietro è solamente un simbolo:

«Anche se si chiude la Porta santa, rimane sempre spalancata per noi la vera porta della misericordia, che è il Cuore di Cristo. Dal costato squarciato del Risorto scaturiscono fino alla fine dei tempi la misericordia, la consolazione e la speranza».

I numeri del Giubileo 2015-2016

Quanti pellegrini hanno partecipato al Giubileo 2015.2016?

Il CorSera stima che siano passati sotto la porta santa di San Pietro circa 22 milioni di pellegrini in un anno. Il dato ufficiale che si trova sul sito ufficiale dell’evento religioso parla, per la precisione, di 21.292.926 pellegrini a Roma (evidentemente, il dato, così preciso, si ricava dal numero di biglietti – gratuiti – prenotati attraverso i moduli online).