28 Nov

Extraordinary Jubilee 2015-2016: Pope Francis’ letter about Indulgence

Pope Francis, Photo by Jeffery Bruno (from New York City)

Pope Francis, Photo by Jeffery Bruno (from New York City)

1st September 2015The Jubilee and Pope Francis’ letter. Today Pope Francis published a letter with which he gives indulgence in occasion of the extraordinary Jubilee of Mercy.

Here is what indulgence really means.

In his letter, Pope Francis explains how to obtain indulgence. Of course, the first way is to undertake a pilgrimage to Rome, to the Holy Door or to one of the four Papal Basilicas in the Italian capital. But the Holy Door will also be opened “in every Cathedral and in several churches chosen by the diocesan bishop”, in all “Sanctuaries with a Door of Mercy and in all Jubilee churches”.

But there is more to it than that. Pope Francis also thought about elderly and sick people who cannot undertake a pilgrimage. They will be able to obtain indulgence by watching the Holy Mass on television from home.

“Living with faith and joyful hope this moment of trial”, these are the words written in Pope Francis’ letter, “receiving communion or attending Holy Mass and community prayer, even through the various means of communication, will be for them the means of obtaining the Jubilee Indulgence.”

And of course, the letter would not be complete without a reflection dedicated to convicts: “They may obtain the Indulgence in the chapels of the prisons. May the gesture of directing their thought and prayer to the Father each time they cross the threshold of their cell signify for them their passage through the Holy Door, because the mercy of God is able to transform hearts, and is also able to transform bars into an experience of freedom.”

Jubilee: the costs

Since the first time Pope Francis announced the Jubilee, a lot of rumours have spread about its costs. According to Bergoglio’s vision, though, the event should be very different from the sumptuous Jubilee 2000. In effect the Vatican put an end to the unjustified controversy about the costs:

“No major or specific work will be needed, a few renovation and maintenance services will be enough to offer the pilgrims a proper reception in the city, which needed this interventions anyway.”

After all, it will not be necessary to go to Rome to receive the Pope’s indulgence.

Jubilee: the bull

On April 11th, 2015, Pope Francis publishes the bull which officially proclaims the Jubilee. Its title is “Misericordiae vulnus”.

Jubilee: five archaeological itineraries

Mr. Ignazio Marino, the mayor of Rome, will supervise the extraordinary Jubilee.]

Ignazio Marino, sindaco di Roma, gestirà il Giubileo straordinario. [Mr. Ignazio Marino, the mayor of Rome, will supervise the extraordinary Jubilee. Photo from Wikipedia by href=”http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Jaqen”>Niccolò Caranti]

29th March 2015: the mayor of Rome, Ignazio Marino, announced that, within the Jubilee framework, at least five archaeological itineraries will be realized by December 8th, 2015.

An example of archaeology in the suburbs of Rome could be the mausoleum of Aquilio Regolo, in the “parco archeologico tiburtino” ,an area which has been awaiting to be restored for 10 years.

Always in the suburbs of Rome, at Casal de’ Pazzi, tomorrow the first Pleistocene museum will be
inaugurated. The excavations in Via Alessandrina and the temple of peace will also be restored. Moreover, the columns of the Forum of Trajan will be rebuilt. “ A rich philanthropist will arrive in Rome in the next few weeks and he will donate almost half a million Euros designated to this operation. There are two levels of columns: we will be able to admire some columns of the Forum of Trajan which were last seen standing circa 1650 years ago.”

Among the other works, which should proceed faster, there should also be the doubling of one of the most congested and famous historical roads in Rome, “Via Tiburtina”, between the 9,300th and the 15,800th Km.

Extraordinary Jubilee: Optimism

The Prime Minister Matteo Renzi is optimistic about the Jubilee.

The Prime Minister Matteo Renzi is optimistic about the Jubilee.



28 March 2015
: the Jubilee, as the Expo2015, seduces the optimists. Thus, in a AGI survey, 44% of those interviewed believe that these two events will help Italy recover from the crisis. Nevertheless, most of them gave a negative opinion on this issue ( 31% believe the events will be inconsequential and 24% believe they will even be a risk for our security). Matteo Renzi, on the other hand, is not pessimistic at all. In effect he declared:

“The proclamation of the Jubilee is a good news that the Italian government welcomes with its best wishes. It is an important meeting and its religious connotation, as highlighted by Pope Francis, is a cause for reflection for each one of us. I am confident that, as in 2000, Rome will prove to be ready for the occasion.”

Confcommercio ( the Italian General Business confederation) fosters this optimistic wave, deeming that the Jubilee (as Expo2015) will create new jobs, also if the National Institute of Statistics’ data are all but positive. It is important to clarify that we are talking about temporary works that will last until the end of the events. Anyway, for a chosen few they can be a great help in this difficult time.

Extraordinary Jubilee 2015-2016

Jubilee, Rome - 8th December 2015 - 20th November 2016 - the Holy Door of Saint Peter's

Jubilee – In this photo, taken from Wikipedia, the Holy Door of Saint Peter’s Basilica is opened in occasion of the Jubilee and sets the beginning of the celebrations.

Jubilee: on March 13th, 2015, Pope Francis surprised everyone by announcing that there will be an extraordinary Jubilee in Rome, starting on December 8th, 2015 and ending on November 20th, 2016.

It will be the year of Mercy.

The proclamation took place in the Papal Basilica of St. Peter in the Vatican while Pope Francis was presiding over a penance service (which set the beginning of an initiative called “24 hours for the Lord”) on Friday, March 13th. It was also the second anniversary of his papacy and some rumours said he wanted to abdicate as his predecessor. The Pope himself said his papacy would not last long. But these rumours were put to an end when the Pope declared:

“I have decided to call an extraordinary Jubilee that is to have the mercy of God at its center. It shall be a Holy Year of Mercy. We want to live this Year in the light of the Lord’s words: “Be merciful, just as your Father is merciful. (cf. Lk 6:36)” This Holy Year will begin on this coming Solemnity of the Immaculate Conception and will end on November 20, 2016, the Sunday dedicated to Our Lord Jesus Christ, King of the Universe – and living face of the Father’s mercy.”

On December 8th, therefore, the Holy Door of St Peter’s Basilica will be opened in a historical ritual which will open the celebrations that will last a year, as dictated by the tradition.

As we have already said, Bergoglio’s announcement completely floored all of us, not only the devotees but also Italian politicians, who will have to deal with the situation and who have not been consulted beforehand.

Will Rome be ready to host such a big event? Will it make it on time? The only sure thing is that, in coherence with the simple style chosen since the beginning of his papacy, Bergoglio does not want to reproduce the splendours of Jubilee 2000; he will encourage a more sober event, instead. This may be the reason why he announced it without any notice.

Jubilee 2015-2016: the year of Mercy

Jubilee 2015-2016: the year of Mercy

The Jubilee wanted by Pope Francis will be the year of Mercy. This is an icon of moral virtue in the Christian tradition. Luca Della Robbia, Christ comforting a poor man, 1493 circa, Louvre Museum (from Wikipedia).

Pope Francis’ Jubilee will certainly be coherent with his papacy, as it can be noticed by the denomination “Year of Mercy”.

Pope Francis reaffirmed that with this event
“the Church can draw attention to its mission as a witness of Mercy”.

In Christian morality, mercy is a moral virtue which realizes itself into deeds of Mercy, i.e. acts of kindness and compassion towards those who suffer. According to the encyclopaedia Treccani, in its broader sense, Mercy means

“A feeling of compassion shown towards other people’s unhappiness, which push us to act in order to placate it; also, a feeling of pity which encourage us to help, forgive and desist from punishment.”

The Pope devoted the whole homely to the topic of Mercy. He quoted the evangelical episode in which a sinner washes Jesus’ feet while the homeowner, Simon, judges her as a sinner (Gospel of Luke 7, 36-50). Then he analysed it highlighting two key words: love and judgement.

“There is the love of the sinful woman, who humbles herself before the Lord; but first there is the merciful love of Jesus for her, which pushes her to approach. […]This woman’s every gesture speaks of love and expresses her desire to have an unshakeable certainty in her life: that of being forgiven. And Jesus gives this assurance: welcoming her, He demonstrates God’s love for her, just for her! Love and forgiveness are simultaneous: God forgives her much, everything, because “she loved much” (Luke 7:47); […] This woman has really met the Lord […]For her, there will be no judgment except that which comes from God, and this is the judgment of mercy. The protagonist of this meeting is certainly the love that goes beyond justice.”

This topic is really dear to Bergoglio; for instance, in the apostolic exhortation Evangelii gaudium, the word Mercy is present no less than 36 times.

Pope Francis’ Jubilee: the organisation

Jubilee - Rome

The Pope entrusted the Pontifical council for the promotion of the new evangelisation with the organisation of this Jubilee

“that [the dicastery] might animate it as a new stage in the journey of the Church on its mission to bring to every person the Gospel of mercy. I am convinced that the whole Church will find in this Jubilee the joy needed to rediscover and make fruitful the mercy of God, with which all of us are called to give consolation to every man and woman of our time.”

Nevertheless, its organisation will also concern Renzi’s government, the municipality of Rome, its mayor Ignazio Marino and a contingent commissioner. For the moment, it is not clear if the government will decide to appoint an extraordinary commissioner or if this role will be carried out by the mayor of Rome.

The Jubilee: its meaning

What is a Jubilee? A Jubilee is a Holy Year. In its official definition found in the Vatican website, it is

“a year of forgiveness of sins and also the punishment due to sin, it is a year of reconciliation between adversaries, of conversion and receiving the Sacrament of Reconciliation, and consequently of solidarity, hope, justice, commitment to serve God with joy and in peace with our brothers and sisters.”

It is a tradition extensively described in the Bible, more precisely in a book from the Old Testament: the Leviticus (25,10-13):

“and you shall consecrate the fiftieth year, and proclaim liberty throughout the land to all its inhabitants. It shall be a jubilee for you, when each of you shall return to his property and each of you shall return to his clan. That fiftieth year shall be a jubilee for you; in it you shall neither sow nor reap what grows of itself nor gather the grapes from the undressed vines. For it is a jubilee. It shall be holy to you. You may eat the produce of the field. n this year of jubilee each of you shall return to his property.”

This means that the Jubilee will be an occasion to obtain plenary indulgence for all those who will follow the celebrations and will undergo all those requirements established by the catholic Church.

Nowadays the catholic Church celebrates the ordinary Jubilee every 25 years. Therefore, the next Jubilee will be in 2025.

The previous Jubilee took place in 2000.

This Jubilee, wanted by Pope Francis, will be extraordinary, like the one proclaimed by Pope Pius XI in 1933 or by John Paul II in 1983.

Jubilee: How often does it happen?

So, how often does the Jubilee take place? That’s a good question. According to the Bible’s precepts every 50 years. The first one took place in 1300 and was proclaimed by Pope Boniface VIII. Since 1450, it is celebrated every 25 years aside from the extraordinary Jubilees.

Jubilee 2000

The Jubilee 2000 was beyond a doubt one of the most important event held in Rome in the last 50 years, not only for its scope but also because it paved the way to several personalities who organised the event and then became protagonists of the recent political history of Italy. Thus, the Jubilee 2000 triggered the major events’ management through commissioners.

Unlikely this Jubilee, in 2000, celebrations were awaited. In effect, the preparations of the so-called Great Jubilee in 2000 officially started on November 10th, 1994 when Pope John Paul II published the Apostolic letter Tertio Millennio Adveniente (i.e. As the third millennium of the new era draws near). The full text can be found in the Vatican website.

Il Giubileo del 2000 fu senza dubbio uno degli eventi più importanti degli ultimi cinquant’anni per Roma. Non solo per la sua portata, ma anche perché aprì la strada a figure che si occuparono della sua organizzazione e che avrebbero poi attraversato la storia politica recente in Italia, aprendo alla logica della gestione dei grandi eventi attraverso commissari.

A differenza di questo, le celebrazioni per l’anno 2000 era chiaramente attese. Di fatto, i preparativi di quello che venne chiamato il Grande Giubileo del 2000 iniziarono ufficialmente il 10 novembre del 1994, quando Giovanni Paolo II ha reso pubblica la lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente (ovvero All’approssimarsi del Terzo Millennio), il cui testo integrale si può leggere sul sito del Vaticano.

Jubilee 1300

Jubilee 1300

In the photo Boniface VIII proclaims the Jubilee of 1300. Pope Boniface VIII, fresco (110×110) by Giotto di Bondone in the Basilica of St. John Lateran, Rome

The Jubilee in 1300 was the first one to be officially celebrated by the catholic Church, according to Boniface VIII’s will.

Jubilee: etymology

The etymology of the word Jubilee comes from the Hebrew iōbēl, which means scapegoat (the buck used in sacred ceremonies during the Jewish Jubilee) or from the word Yovel, a type of trumpet ( a ram’s corn) played to celebrate this year of celebrations. The ecclesiastic tradition introduces the term , ănnu(m) iubilāeu(m), from greek iōbēlâios, once again of Hebrew origins.
The vocabulary Garzanti also suggests the influence of the latin word iubilāre, i.e. “rej

All the Jubilee in History

The 2015-16 Jubilee will be the thirtieth. Here is the list of the previous jubilees, together with the name of the Pope who presided them and the name of the Pope who announced them, when different. In one case (1700), the Jubilee was opened by a Pope and closed by another. Francis’ Jubilee is the sixth extraordinay one (the others being announced in 1390, 1423, 1933, 1966 and most recently in 1983).

1300: Boniface VIII
1350: Clement VI
1390: extraordinary Jubilee. It is announced by Urban VI and presided by Boniface IX
1400: Boniface IX
1423: extraordinary Jubilee. Announced and presided by Martin V
1450: Nicholas V
1475: announced by Paul II, presided by Sixtus IV
1500: Alexander VI
1525: Clement VII
1550: announced by Paul III, presided by Julius III
1575: Gregory XIII
1600: Clement VIII
1625: Urban VIII
1650: Innocent X
1675: Clement X
1700: presided by two Popes. It is opened by Innocent XII and closed by Clement XI
1725: Benedict XIII
1750: Benedict XIV
1775: announced by Clement XIV, presided by Pius VI
1825: Leone XII
1875: Pius IX
1900: Leo XIII
1925: Pius XI
1933: extraordinary Jubilee, announced and presided by Pius XI
1950: Pius XII
1966: extraordinary Jubilee, announced and presided by Paul VI for the closing of the Second Vatican Council
1975: Paul VI
1983: extraordinary Jubilee, announced and presided by John Paul II
2000: John Paul II
2015: extraordinary Jubilee, announced by Pope Francis

28 Nov

Giubileo straordinario 2015-2016, ultime notizie

Tutto quel che c’è da sapere sul Giubileo 2015-2016.

    Il significato del Giubileo
    Cos’è l’indulgenza e come si ottiene
    La sicurezza per il Giubileo
    L’apertura della Porta Santa in Repubblica Centrafricana
    L’apertura della Porta Santa dell’8 dicembre 2015
    I biglietti per il Giubileo
    Il Giubileo in televisione
    Il Calendario dei grandi eventi

Commissario Francesco Paolo Tronca

Nonostante l’ultimo tentativo di Marino di rimanere in carica, l’ex sindaco di Roma ha dovuto affrontare la realtà della sfiducia da parte del suo stesso partiti, in un susseguirsi di colpi di scena e accuse che, davvero, si fa fatica a ricostruire e persino a comprendere, anche a causa della bufera mediatica che è stata scagliata addosso all’ex sindaco.

Così, il governo ha nominato un commissario per Roma. Francesco Paolo Tronca, già prefetto di Milano, che dovrà gestire la città durante il Giubileo e traghettarla verso le elezioni del 2016.

Marino e i lavori a Termini

Questa mattina abbiamo completamente riaperto al traffico via Marsala, la prima delle tre strade che circondano la…

Posted by Ignazio Marino on Sabato 24 ottobre 2015

26 ottobre 2015 – Il Giubileo si avvicina con l’incognita Ignazio Marino. Il sindaco deve formalizzare le proprie dimissioni entro il 2 novembre 2015: le ha rassegnate, ma secondo la legge ha 20 giorni per ritirarle.

Ieri, in una manifestazione di piazza, il Sindaco dimissionario ha ricevuto la solidarietà di un numero consistente di romani e ha annunciato che sta riflettendo sul da farsi.

Nel frattempo, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook un post e un video in cui si illustra la fine dei lavori a Stazione Termini (erano previsti nell’ambito di tutti i lavori a Roma in vista del Giubileo). «Con un mese d’anticipo», ha dichiarato il sindaco.

Ancora una settimana e si scopririrà se sarà lui, il sindaco del Giubileo, o se le sue dimissioni diventeranno definitive. Di conseguenza, sarà la volta di un commissario (del resto, l’idea era già circolata prepotentemente in passato, quando Marino era ancora saldamente al suo posto).

Papa Francesco: la lettera sull’indulgenza

Papa Francesco, Foto di Jeffrey Bruno (from New York City)

Papa Francesco, Foto di Jeffrey Bruno (from New York City)

1 settembre 2015 – Giubileo e la lettera di Papa Francesco. Oggi, Papa Francesco ha pubblicato una lettera con la quale viene concessa l’indulgenza in occasione del giubileo straordinario dell misericordia.

Ecco cos’è esattamente l’Indulgenza.

Nella Lettera, Papa Francesco spiega anche come si ottiene l’indulgenza. Ovviamente, una delle modalità è quella di recarsi in pellegrinaggio a Roma, alla Porta Santa o in una delle quattro Basiliche Papali della capitale italiana. Ma la Porta Santa verrà aperta anche «in ogni Cattedrale o nelle chiese stabilite dal Vescovo diocesano», nei «Santuari dove si è aperta la Porta della Misericordia e nelle chiese che tradizionalmente sono identificate come Giubilari».

Non solo. Un pensiero va anche ai malati e agli anziani, che saranno impossibilitati ad andare in pellegrinaggio. Essi potranno ottenere l’indulgenza anche seguendo la messa da casa, in televisione per esempio.

«Vivere con fede e gioiosa speranza questo momento di prova», si legge nella lettera di Papa Francesco, «ricevendo la comunione o partecipando alla santa Messa e alla preghiera comunitaria, anche attraverso i vari mezzi di comunicazione, sarà per loro il modo di ottenere l’indulgenza giubilare».

Non poteva mancare, infine, una riflessione dedicata ai carcerati: «Nelle cappelle delle carceri potranno ottenere l’indulgenza, e ogni volta che passeranno per la porta della loro cella, rivolgendo il pensiero e la preghiera al Padre, possa questo gesto significare per loro il passaggio della Porta Santa, perché la misericordia di Dio, capace di trasformare i cuori, è anche in grado di trasformare le sbarre in esperienza di libertà».

Giubileo: i costi

Fin dall’annuncio da parte di Papa Francesco, si sono rincorse voci di ogni genere a proposito dei costi del Giubileo. Ma nella visione di Bergoglio, l’evento dovrebbe essere ben lontano dai fasti di quello del 2000. E infatti, dal Vaticano fanno sapere che le polemiche sui costi sono del tutto ingiustificate:

«Non servirà alcuna grande opera, nè opere particolari, basterà procedere a qualche intervento di manutenzione e di riqualificazione della città necessario ad un adeguata accoglienza dei pellegrini e di cui, d’altronde, la stessa città ha bisogno»

D’altro canto, non sarà necessario andare a Roma per ricevere (o lucrare, come si dice in gergo, l’indulgenza).

Giubileo: la bolla

L’11 aprile 2015 Papa Francesco pubblica la bolla con cui viene convocato ufficialmente il giubileo. Si intitola «Misericordiae vultus».

Giubileo: cinque percorsi archeologici

Ignazio Marino, sindaco di Roma, gestirà il Giubileo straordinario. [Foto da Wikipedia, di Niccolò Caranti]

Ignazio Marino, sindaco di Roma, gestirà il Giubileo straordinario. [Foto da Wikipedia, di Niccolò Caranti]

29 marzo 2015: il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha annunciato che, all’interno del piano strategico per il Giubileo verranno realizzati, entro l’8 dicembre 2015, almeno cinque percorsi archeologici nelle periferie.

Uno degli esempi di archeologia di periferia potrebbe essere il mausoleo di Aquilio Regolo, in una zona in cui, da ben 10 anni, si aspetta di iniziare la realizzazione del parco archeologico tiburtino.

Sempre in periferia, a Casal de’ Pazzi, domani viene inaugurato il primo museo del pleistocene. Poi si prevedono restauri negli scavi di via Alessandrina, interventi nel Foro della Pace. Inoltre, si rimetteranno in piedi le

«colonne del Foro di Traiano. Un ricco filantropo arriverà nelle prossime settimane a Roma e donerà solo per quell’operazione quasi mezzo milione di euro. Sono due livelli di colonne: potremo osservare nel foro di Traiano delle colonne che sono state viste in piedi l’ultima volta nel 350 d.C. Le rimetteremo in piedi dopo circa 1650 anni»

Fra gli altri lavori che procederanno teoricamente più spediti, dovrebbe esserci il raddoppio di una delle consolari storicamente più trafficata di Roma, la Tiburtina, fra il chilometro 9,300 e il chilometro 15,800.

Giubileo straordinario: l’ottimismo

Giubileo: Matteo Renzi, presidente del Consiglio, è ottimista

Il Presidente del consiglio Matteo Renzi è ottimista a proposito del Giubileo

28 marzo 2015: il Giubileo – come l’Expo – convince gli ottimisti di natura. E così, ecco che al sondaggio di AGI il 44% degli intervistati risponde che i due eventi saranno un’occasione di rilancio per il Paese (anche se la maggioranza degli intervistati dà parere negativo: per il 31% saranno eventi ininfluenti. Per il 24% rappresenteranno addirittura rischi per la sicurezza.

Chi non vuole saperne di essere pessimista, è Matteo Renzi. Il Presidente del consiglio ha dichiarato:

«L’annuncio del Giubileo è una buona notizia che il governo italiano accoglie con i migliori auspici. Si tratta di un appuntamento importante il cui carattere religioso, come sottolineato da Papa Francesco, e’ uno spunto di riflessione per tutti. Sono sicuro che, come gia’ nel 2000, Roma si farà trovare pronta. L’Italia, che quest’anno ospita l’Expo, saprà fare la sua parte anche in questa occasione».

E da Cernobbio, la Confcommercio alimenta il vento dell’ottimismo (questo nonostante i dati Istat disegnino un presente fatto di dati tutt’altro che soddisfacenti), confidando nella creazione di posti di lavoro proprio per il Giubileo (così come per l’Expo).

Si tratta, è bene dirlo onde evitare di alimentare false speranze, di posti di lavoro che comunque sono a tempo determinato, giacché sono confinati nello spazio temporale dei due eventi. Per alcuni, fortunati, potranno essere senz’altro una boccata d’ossigeno.

Giubileo straordinario 2015-2016

Giubileo, Roma - 8 dicembre 2015 - 20 novembre 2016 - La Porta Santa della Basilica di San Pietro

Giubileo – Nell’immagine, tratta da Wikipedia, la Porta Santa della Basilica di San Pietro: viene aperta in occasione di ogni Giubileo e dà il via alle celebrazioni.

Giubileo: il 13 marzo 2015, Papa Francesco, cogliendo tutti di sorpresa, ha annunciato che Roma ospiterà un giubileo straordinario che inizierà l’8 dicembre 2015 e che finirà il 20 novembre 2016.

Sarà l’Anno della Misericordia.

L’annuncio è stato pronunciato in Basilica Vaticana, durante l’omelia di una celebrazione penitenziale (che sanciva l’apertura dell’iniziativa “24 ore per il Signore”). Proprio il 13 marzo, inoltre, si celebrava il secondo anniversario del suo pontificato e già si rincorrevano le voci che lo vorrebbero futuro dimissionario, come il suo predecessore. Era stato lo stesso Papa a dire di avere la sensazione che il suo sarà un pontificato breve.

Ma lo spazio per le speculazioni sul significato di queste dichiarazioni è stato subito occupato dall’annuncio. Papa Francesco ha dichiarato:

«Ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio. Sarà un Anno Santo della Misericordia. Lo vogliamo vivere alla luce della parola del Signore: Siate misericordiosi come il Padre. […[ Questo Anno Santo inizierà nella prossima solennità dell’Immacolata Concezione [dunque l’8 dicembre 2015, ndr] e si concluderà il 20 novembre del 2016, Domenica di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo e volto vivo della misericordia del Padre».

L’8 dicembre, dunque, si provvederà all’apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro, rito che storicamente dà inizio alle celebrazioni, che dureranno quasi un intero anno, come da tradizione.

Come dicevamo, l’annuncio di Bergoglio ha lasciato tutti spiazzati: non solo i fedeli, ma anche i politici italiani che, giocoforza, dovranno occuparsi della questione e che sono stati, di fatto, scavalcati e nient’affatto consultati.

Roma sarà pronta per ospitare un simile evento? Riuscirà a prepararsi per tempo? L’unica cosa certa è che, per coerenza con lo stile sobrio scelto fin dall’inizio del suo pontificato, Bergoglio non vorrà certo replicare gli sfarzi del 2000 ma spingerà per un evento più sobrio. Forse è anche per questo che lo ha annunciato senza alcun preavviso.

Giubileo 2015-2016: Anno della misericordia

Giubileo 2015-2016 - Anno della Misericordia

Il Giubileo voluto da Papa Francesco sarà l’anno della Misericordia. Ecco un’immagine iconica della virtù morale della tradizione cristiana. Luca Della Robbia, Cristo conforta un poveruomo, 1493 ca, Museo del Louvre (da Wikipedia)

Il Giubileo di Papa Francesco sarà senza dubbio coerente con il suo pontificato. Lo si capisce fin dalla denominazione di Anno della misericordia.
Papa Francesco, infatti, ha ribadito che con questo evennto pensa che

«la Chiesa possa rendere più evidente la sua missione di essere testimone della misericordia».

Nella morale cristiana, la misericordia è una virtù morale che si concretizza, appunto, nelle opere di misericordia: atti di bontà, di carità verso chi soffre. Secondo la Treccani, nel suo significato più ampio, misericordia significa

«Sentimento di compassione per l’infelicità altrui, che spinge ad agire per alleviarla; anche, sentimento di pietà che muove a soccorrere, a perdonare, a desistere da una punizione».

Al tema della misericordia, il Pontefice ha dedicato l’intera omelia. Ha citato l’episodio della peccatrice che lava i piedi di Gesù mentre il padrone di casa, Simone, la giudica come peccatrice (Dal Vangelo secondo Luca 7,36-50). Poi lo ha commentato sottolineando due delle parole fondamentali di quel passo del Vangelo: l’amore e il giudizio.

«C’è l’amore della donna peccatrice che si umilia davanti al Signore; ma prima ancora c’è l’amore misericordioso di Gesù per lei, che la spinge ad avvicinarsi. […] Ogni gesto di questa donna parla di amore ed esprime il suo desiderio di avere una certezza incrollabile nella sua vita: quella di essere stata perdonata. E questa certezza è bellissima. E Gesù le dà questa certezza: accogliendola le dimostra l’amore di Dio per lei, proprio per lei! Dio le perdona molto, tutto, perché “ha molto amato”. Questa donna ha veramente incontrato il Signore. […] Per lei non ci sarà nessun giudizio se non quello che viene da Dio, e questo è il giudizio della misericordia. Il protagonista di questo incontro è certamente l’amore, la misericordia, che va oltre la giustizia».

Il tema è molto caro a Bergoglio. Nel testo dell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, per esempio, la parola misericordia compare ben 36 volte.

Giubileo di Papa Francesco: l’organizzazione

Giubileo - Città del Vaticano

L’organizzazine del Giubileo è stata affidata, dal Papa, al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione,

«perché possa animarlo come una nuova tappa del cammino della Chiesa nella sua missione di portare ad ogni persona il Vangelo della misericordia, ha continuato, sono convinto che tutta la Chiesa potrà trovare in questo Giubileo la gioia per riscoprire e rendere feconda la misericordia di Dio, con la quale tutti siamo chiamati a dare consolazione ad ogni uomo e ogni donna del nostro tempo».

Tuttavia, essa riguarderà per forza di cose anche il governo Renzi, il Comune di Roma, il sindaco Ignazio Marino e un eventuale commissario. Dopo le prime speculazioni, tuttavia, non è ancora chiaro se il governo deciderà per la nomina di un commissario straordinario diverso dal sindaco di Roma.

Giubileo: il significato

Che cos’è un Giubileo? Un Giubileo è un Anno Santo. Nella definizione ufficiale che si può leggere anche sul sito del Vaticano, è

“l’anno della remissione dei peccati e delle pene per i peccati, è l’anno della riconciliazione tra i contendenti, della conversione e della penitenza sacramentale e, di conseguenza, della solidarietà, della speranza, della giustizia, dell’impegno al servizio di Dio nella gioia e nella pace con i fratelli».

Si tratta di una tradizione ampiamente descritta nella Bibbia, in uno dei Libri dell’Antico Testamento, il Levitico (25,10-13):

Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nella terra per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non farete né semina né mietitura di quanto i campi produrranno da sé, né farete la vendemmia delle vigne non potate. Poiché è un giubileo: esso sarà per voi santo; potrete però mangiare il prodotto che daranno i campi. In quest’anno del giubileo ciascuno tornerà nella sua proprietà.

Questo significa che una delle conseguenze per tutti coloro che seguiranno le celebrazioni e si sottoporranno alle condizioni stabilite dalla Chiesa cattolica, il Giubileo è anche l’occasione per ottenere l’indulgenza plenaria.

Il giubileo ordinario viene celebrato, dalla Chiesa di oggi, ogni 25 anni. Il prossimo sarà dunque nel 2025.

Il precedente è stato il Giubileo del 2000.

Questo, voluto da Papa Francesco, sarà, appunto, un giubileo straordinario, come quello indetto da Pio IX nel 1933 o quello indetto da Giovanni Paolo II nel 1983.

Giubileo: ogni quanti anni?

Ma dunque, ogni quanti anni si tiene il Giubileo? Bella domanda. Secondo i precetti della Bibbia, ogni 50 anni. Il primo è stato nel 1300, indetto da Bonifacio VII. Dal 1450 in poi, di fatto, la cadenza venne dimezzata e, a parte i giubileo straordinari, da allora viene celebrato ogni 25 anni.

Giubileo 2000

Il Giubileo del 2000 fu senza dubbio uno degli eventi più importanti degli ultimi cinquant’anni per Roma. Non solo per la sua portata, ma anche perché aprì la strada a figure che si occuparono della sua organizzazione e che avrebbero poi attraversato la storia politica recente in Italia, aprendo alla logica della gestione dei grandi eventi attraverso commissari.

A differenza di questo, le celebrazioni per l’anno 2000 era chiaramente attese. Di fatto, i preparativi di quello che venne chiamato il Grande Giubileo del 2000 iniziarono ufficialmente il 10 novembre del 1994, quando Giovanni Paolo II ha reso pubblica la lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente (ovvero All’approssimarsi del Terzo Millennio), il cui testo integrale si può leggere sul sito del Vaticano.

Giubileo 1300

Il Giubileo del 1300

Nell’immagine, Bonifacio VIIi indice il Giubileo del 1300. Affresco frammentario staccato (110×110 cm) attribuito a Giotto. Si trova a San Giovanni in Laterano a Roma.

Il Giubileo del 1300 è stato il primo celebrato ufficialmente dalla Chiesa Cattolica, per volere di Bonifacio VIII.

Giubileo: l’etimologia

L’etimologia di giubileo si fa risalire a iōbēl, ebraico, che significa capro espiatorio (il caprone, il montone utilizzato nelle cerimonie sacre del Giubileo ebraico, appunto). Oppure a Yovel, una sorta di tromba (un corno d’ariete) che veniva suonato per annunciare questo anno di celebrazioni. Il latino propone, proprio nella tradizione ecclesiastica, ănnu(m) iubilāeu(m), che deriva dal greco iōbēlâios, a sua volta di derivazione ebraica, appunto. Secondo Garzanti, non si può escludere l’influsso del latino iubilāre, ovvero “gridare (di gioia)”.

Tutti i Giubileo

Il Giubileo del 2015-2016 sarà il trentesimo. Ecco l’elenco dei precedenti anni giubilari, con accanto il nome del Papa che lo ha presieduto e, quando nel frattempo si era verificato un avvicendamento nel ruolo di Pontefice, il nome del Papa che l’ha indetto e di quello che lo ha presieduto. In un caso (1700), il Giubileo venne aperto da un Papa e chiuso da un altro. Quello di Francesco è il sesto giubileo straordinario (gli altri nel 1390, nel 1423, nel 1933, nel 1966 e il più recente nel 1983)

1300: Bonifacio VIII
1350: Clemente VI
1390: è un Giubileo straordinario. Lo indice Urbano VI, lo presiede Bonifacio IX
1400: Bonifacio IX
1423: è un Giubileo straordinario, indetto e presieduto da Martino V
1450: Niccolò V
1475: lo indice Paolo II, lo presiede Sisto IV
1500: Alessandro VI
1525: Clemente VII
1550: lo indice Paolo III, lo presiede Giulio III
1575: Gregorio XIII
1600: Clemente VIII
1625: Urbano VIII
1650: Innocenzo X
1675: Clemente X
1700: lo presiedono due papi. Lo apre Innocenzo XII, lo chiude Clemente XI
1725: Benedetto XIII
1750: Benedetto XIV
1775: lo indice Clemente XIV, lo presiede Pio VI
1825: Leone XII
1875: Pio IX
1900: Leone XIII
1925: Pio XI
1933: è un Giubileo straordinario, indetto e presieduto da Pio XI
1950: Pio XII
1966: è un Giubileo straordinario, indetto e presieduto da Paolo VI per la chiusura del Concilio Vaticano II
1975: Paolo VI
1983: è un Giubileo straordinario, indetto e presieduto da Giovanni Paolo II
2000: Giovanni Paolo II
2015: il Giubileo straordinario voluto da Papa Francesco

28 Nov

Giubileo Roma sicurezza

Roma vista dall'alto: la capitale che ospita il Giubileo della Misericordia dall'8 dicembre 2015, fotografata da Oliver Bonjoch. L'immagine si trova su Wikipedia, CC BY-SA 3.0

Roma vista dall’alto: la capitale che ospita il Giubileo della Misericordia dall’8 dicembre 2015, fotografata da Oliver Bonjoch. L’immagine si trova su Wikipedia, CC BY-SA 3.0

Il Giubileo della Misericordia è alle porte. E ovviamente, il tema della sicurezza a Roma è molto sentito, in questi giorni. Lo sarà per tutto l’anno giubilare, in particolare in concomitanza dei grandi eventi, il cui programma è noto da tempo.

Sul tema della sicurezza è recentemente intervenuto il Presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, in un’intervista al quotidiano online Affaritaliani.it

«Purtroppo chi dice che assolutamente non accadrà nulla durante il Giubileo lancia un messaggio non realistico. Nessuno ha la certezza che non accadrà nulla».

Inoltre, il Giubileo diffuso, con le porte Sante che potranno essere aperte in qualsiasi basilica – e non solo a Roma, dunque – aumenta possibili obiettivi di eventuali attachi terroristici:

«Ogni luogo della religione cattolica diventa un luogo adatto per celebrare il Giubileo. Quindi è facilmente comprensibile che i luoghi sono tantissimi. Qualsiasi cattedrale o basilica più o meno nota, piuttosto che qualsiasi luogo importante per la religione cattolica, al pari di altri luoghi simbolici delle nostra civiltà occidentale, diventa un possibile bersaglio e quindi si cerca di tenerlo sotto controllo con una specifica attività dell’intelligence. Sia chiaro però che poter pensare di controllare tutti, proprio tutti questi luoghi, non è possibile. Si devono fare delle scelte basate su criteri e dati oggettivi nell’individuare le priorità».

Quali misure di sicurezza aggiuntive sono previste a Roma in metropolitana?
– l’Atac ha annunciato 3000 nuove telecamere di sorveglianza;
– su tutte le banchine della tratta Termini-Cipro sono state installate colonnine SOS che permettono a tutti gli utenti della linea A di contattare direttamente la centrale operativa;
– sono previste colonnine SOS in tutte le stazioni metropolitane, con un’attivazione che inizia da quelle più centrali (come Colosseo e Spagna) per poi estendersi in tutta la rete;
– nelle stazioni metropolitane di Spagna, Termini e Colosseo squadre di guardie giurate con cani addestrati si occuperanno del controllo del pubblico;
– è stata realizzata un’Unità Operativa Mobile, per interventi di emergenza.

Si può collaborare volontariamente alla sicurezza?
Le associazioni private che dovessero voler prestare opera di volontariato con il perosonale Atac possono partecipare a un bando pubblico entro il 4 dicembre 2015.

Che cosa dice il Ministro dell’Interno a proposito della sicurezza durante il Giubileo?
Angelino Alfano è ottimista, come riporta Repubblica:

«In Italia il sistema di intelligence e prevenzione funziona, ma serve più scambio di informazioni tra i vari Paesei europei. Basta creare il panico. La vita deve continuare, io manderò i miei figli in gita scolastica».

E ancora:

«Non solo negli aeroporti, abbiamo un piano di potenziamento del nostro sistema sicurezza. Sono sicuro che gli investimenti che abbiamo pianificato saranno un punto di forza per la candidatura alle Olimpiadi: il dossier sicurezza sarà uno dei punti di forza per la candidatura ai Giochi».

Cosa prevedono le misure di sicurezza aerea?

Il Prefetto Franco Gabrielli ha annunciato che Enac e Enav concorderanno una “no fly zone” sulla capitale. Droni e ultraleggeri avranno a che fare con un’«attività di intelligence e preventiva».

«in determinate situazioni c’è un dispositivo aereo permanentemente in volo per intercettare chi non risponderà […] si può pensare a un abbattimento solo se non si arrecherà un più nefasto risultato. Su questi casi c’è comunque una catena di comando ben definita: è il ministro della Difesa l’organo di governo che deve decidere i comportamenti da prendere sui voli civili».

Quanti uomini si occuperanno della sicurezza a Roma?
Oltre duemila, anche sugli autobus.

Quali ordinanze regolamentano la sicurezza durante il Giubileo?
Sono previste ordinanze ad hoc per ciascun grande evento.

Cosa si sa della sicurezza nelle strutture ricettive?
Sono previste verifiche più stringenti su alberghi e B&B.

E in Piazza San Pietro?
30 accessi dedicati, con passaggio attraverso rapiscanner (cioè, metal detector + raggi x)

25 Nov

Il nome di Dio è Misericordia – Libro di Papa Francesco

Il nome di dio è misericordia - Libro di Papa Francesco

Il nome di dio è misericordia – Il nuovo libro di Papa Francesco

Il nome di Dio è misericordia
– Si intitola così, con la misericordia del Giubileo che ritorna, il libro di Papa Franceso che uscirà il 12 gennaio 2016. Su Amazon si può prenotare seguendo il link.

Si tratta di una conversazione con il vaticanista (nonché autore di Vatican Insider) Andrea Tornielli, dunque una sorta di intervista in cui il Papa si rivolge a tutte le donne e a tutti gli uomini del pianeta.

Di cosa si parla, nel libro? Di Misericordia, naturalmente. Ma anche di

quell’umanità inquieta e dolente che chiede di essere accolta e non respinta: i poveri e gli emarginati, i carcerati e le prostitute, ma anche i disorientati e i lontani dalla fede, gli omosessuali e i divorziati. Nella conversazione con il vaticanista Andrea Tornielli, Francesco spiega attraverso ricordi di gioventù ed episodi toccanti della sua esperienza di pastore – le ragioni di un Anno Santo straordinario da lui fortemente voluto. Senza disconoscere le questioni etiche e teologiche, ribadisce che la Chiesa non può chiudere la porta a nessuno; piuttosto ha il compito di far breccia nelle coscienze per aprire spiragli di assunzione di responsabilità e di allontanamento dal male compiuto. Nella schiettezza del dialogo, Francesco non si sottrae neppure dall’affrontare il nodo del rapporto fra misericordia, giustizia, corruzione. E a quei cristiani che si annoverano nelle schiere dei “giusti”, rammenta: “Anche il papa è un uomo che ha bisogno della misericordia di Dio”.

21 Nov

Biglietti Porta santa, Grandi Eventi, Udienze Giubileo

Biglietti per il Giubileo e registrazine dei pellegrini – Importante: viste le numerose richieste di chiarimento giunte nei commenti, ecco tutti i link da seguire per le prenotazioni (che, lo ricordiamo, sono assolutamente gratuite). Basta cliccare su quello specifico che si desidera e si atterra sul sito ufficiale.

Registrazione dei pellegrini al Giubileo della Misericordia. Per singoli pellegrini o per responsabili di gruppo.
Modulo per prenotare un passaggio per la Porta Santa, generico, in data da decidere. Prima ci si registra, poi si prenota.

Udienze Giubilari del Sabato e Udienze Generali del Mercoledì: sito della Prefettura della Casa Pontificia.

– Apertura della Porta Santa di S. Pietro – 8 dicembre 2015: sito ufficiale.

– Apertura della Porta Santa di San Giovanni in Laterano – 13 dicembre 2015 – sito della Prefettura della Casa Pontificia
– Apertura della Porta Santa di San Paolo Fuori le Mura – 13 dicembre 2015 (link ancora non disponibile)
– Apertura della Porta Santa di Santa Maria Maggiore – 1 gennaio 2016 – sito della Prefettura della Casa Pontificia

Biglietti e registrazioni per giubilei specifici

Giubileo degli Operatori dei Pellegrinaggi – 19-21 gennaio 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo della Divina Misericordia – 1-3 aprile 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo dei Ragazzi – 23-25 aprile 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Veglia Asciugare le Lacrime – 5 Maggio 2016 – link non ancora disponibile
Giubileo dei Diaconi – 27-29 Maggio 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo dei Sacerdoti – 1-3 giugno 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo degli Ammalati e delle Persone Disabili – 10-12 giugno 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo degli Operatori e Volontari della Misericordia – 2-4 settembre 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo dei Catechisti – 21-23 settembre 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Giubileo Mariano – 8-9 ottobre 2016 – modulo di registrazione sul sito ufficiale (prima ci si registra, poi si prenota)
Celebrazione di Chiusura della Porta Santa di S. Pietro – 20 novembre 2016 – link non ancora disponibili

Biglietti Porta santa e Grandi Eventi del Giubileo: aperte le iscrizioni

Biglietti Porta Santa Giubileo

Biglietti per il Giubileo – Per partecipare ai Grandi Eventi del Giubileo della Misericordia, così come per il pellegrinaggio alla Porta santa della Basilica di S. Pietro non basterà andare a Roma in concomitanza delle date del calendario giubilare e dei grandi eventi.

È invece necessario registrarsi presso il sito ufficiale per effettuare una sorta di prenotazione.

Apertura porta santa: biglietti

Seguendo questo link si accede al modulo per prenotare i Biglietti per l’apertura della Porta Santa di San Pietro. Una volta che si è inviata la richiesta, si riceverà la conferma di avvenuta prenotazione.
I biglietti andranno poi ritirati presso il Centro di Accoglienza pellegrini in via della Conciliazione 7 a Roma.

Grandi eventi Giubileo: biglietti e iscrizioni

Giubileo Grandi Eventi Iscrizioni

Seguendo questo link, invece, ci si può iscrivere per i grandi eventi, ovvero

1. Giubileo degli Operatori dei Pellegrinaggi
2. Giubileo della Spiritualità della Divina Misericordia
3. Giubileo dei Diaconi
4. Giubileo dei Sacerdoti
5. Giubileo degli Ammalati e delle persone Disabili
6. Giubileo degli Operatori e dei Volontari della Misericordia
7. Giubileo dei Catechisti
8. Giubileo Mariano

Biglietti per udienze e celebrazioni

I biglietti per udienze e celebrazioni di Papa Francesco, invece, si possono richiedere alla Prefettura della Casa Pontificia.

È la prima volta che è richiesta una prenotazione per partecipare di persona al percorso o agli eventi giubilari.

Monsignor Liberio Andreatta ha spiegato le ragioni di questa scelta, come riporta Vatican Insider:

«Il primo motivo è quello di far sì che i pellegrini vivano questa esperienza con serenità, come un’esperienza di fede e di preghiera. Il secondo motivo è per evitare il flusso disordinato di pellegrini e, inoltre, anche per avere la possibilità, lungo il percorso, che vengano fatti normali controlli di sicurezza in maniera molto soft, così da non creare intoppi».

Insomma, sicurezza e comodità per tutti dovrebbero essere garantiti dal sistema di prenotazione.

Quanto costano i biglietti per il Giubileo? Sono gratuiti. Quindi, diffidate di chiunque chieda un pagamento e utilizzate solo ed esclusivamente il sito ufficiale.

Ci sarà un limite al numero di biglietti? No.

E se non posso usare internet o decido all’ultimo momento? In quel caso ci si potrà rivolgere all’ufficio in via della Conciliazione 7 per poter accedere alla Porta Santa. Ma il consiglio è, naturalmente, quello di utilizzare il meccanismo di registrazione, non appena sarà aperto e operativo, onde evitare spiacevoli sorprese.

La spiritualità dell’evento, infatti, non può prescindere dalle necessità organizzative.

Cosa devo specificare all’atto della prenotazione? Partecipanti, giorno e ora del pellegrinaggio.

01 Nov

Apertura porta Santa – 29 novembre 2015 – Bangui, Repubblica Centrafricana

Bangui, Repubblica Centrafricana. Qui, in visita ufficiale, Papa Francesco aprirà la prima Porta Santa del Giubileo della Misericordia – Immagine tratta da Wikipedia

Bangui, Repubblica Centrafricana. Qui, in visita ufficiale, Papa Francesco aprirà la prima Porta Santa del Giubileo della Misericordia – Immagine tratta da Wikipedia

L’apertura della porta Santa, tradizionale inizio delle celebrazioni giubilari, quest’anno è molto diversa dal solito. È vero: l’8 dicembre 2015 si procederà all’apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro, come avviene sempre, in ogni anno santo. Ma Papa Francesco, quest’anno, ha deciso di stupire tutti. E così, dopo l’annuncio a sorpresa del Giubileo straordinario della Misericordia, durante l’angelus dell’1 novembre 2015 ha fatto un nuovo annuncio.

Eccolo, così come riportato dal sito ufficiale del Vaticano:

Cari fratelli e sorelle,

i dolorosi episodi che in questi ultimi giorni hanno inasprito la delicata situazione della Repubblica Centrafricana, suscitano nel mio animo viva preoccupazione. Faccio appello alle parti coinvolte affinché si ponga fine a questo ciclo di violenze. Sono spiritualmente vicino ai Padri comboniani della parrocchia Nostra Signora di Fatima in Bangui, che accolgono numerosi sfollati. Esprimo la mia solidarietà alla Chiesa, alle altre confessioni religiose e all’intera nazione Centrafricana, così duramente provate mentre compiono ogni sforzo per superare le divisioni e riprendere il cammino della pace. Per manifestare la vicinanza orante di tutta la Chiesa a questa Nazione così afflitta e tormentata ed esortare tutti i centroafricani ad essere sempre più testimoni di misericordia e di riconciliazione, domenica 29 novembre ho in animo di aprire la porta santa della cattedrale di Bangui, durante il Viaggio apostolico che spero di poter realizzare in quella Nazione.

In altre parole, insomma, per la prima volta nella storia delle celebrazioni giubilari, l’apertura della Porta Santa sarà anticipata e sarà in Africa.

Il 29 novembre 2015 Papa Francesco, in visita nella Repubblica Centrafricana aprirà la Porta Santa della cattedrale di Bangui.

23 Ott

Giubileo della Misericordia – Calendario Giubilare

Papa Francesco, Foto di Jeffrey Bruno (from New York City)

Papa Francesco, Foto di Jeffrey Bruno (from New York City)

Calendario Giubilare del Giubileo straordinario della Misericordia. Oltre al calendario dei cosiddetti Grandi eventi, c’è anche il Calendario giubilare da appuntarsi. Ecco le giornate che lo riguardano.

Giubileo dicembre 2015

12 dicembre 2015 – Celebrazione Eucaristica per l’America Latina. Basilica di San Pietro. Si celebra la Festività di Nostra Signora di Guadalupe
20 dicembre 2015Giubileo dei Bambini degli Oratori Romani. Basilica di San Pietro. Tutte le informazioni su www.centrooratoriromani.org.

20 dicembre 2015 – ore 8.00, Pellegrinaggio verso la Porta Santa di San Pietro;
ore 10.00, Santa Messa presieduta da S. Em. Card. Angelo Comastri presso la Basilica di San Pietro;
ore 12.00, Angelus e Benedizione dei Bambinelli del presepe con il Santo Padre in Piazza San Pietro

(in aggiornamento progressivo con tutti gli appuntamenti. Se invece cercavi il calendario dei Grandi Eventi, lo trovi seguendo questo link)

22 Ott

Giubileo Inno ufficiale (Testo, video, spartito)

L’Inno ufficiale del Giubileo della Misericordia si intitola Misericordes sicut Pater! (che è anche il motto del Giubileo).

Gli autori, Paul Inwood (musica) e P. Eugenio Costa hanno donato tutti i diritti di sfruttamento dell’opera al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione (PCPNE).

Nel video su Youtube, caricato dal profilo ufficiale del Giubileo della Misericordia, si può vedere il logo del Giubileo e ascoltare l’inno nell’esecuzione della Cappella Musicale Pontificia, diretta dal Maestro Mons. Massimo Palombella. La registrazione è stata fatta da Radio Vaticana

Inno del Giubileo: il testo

Ecco la prima strofa del testo dell’Inno del Giubileo

Misericordes sicut Pater!

1. Rendiamo grazie al Padre, perché è buono
in aeternum misericordia eius
ha creato il mondo con sapienza
in aeternum misericordia eius
conduce il Suo popolo nella storia
in aeternum misericordia eius
perdona e accoglie i Suoi figli
in aeternum misericordia eius

Per il testo integrale dell’Inno del Giubileo, c’è il sito ufficiale.

Inno del Giubileo: mp3 e spartito

Lo spartito in Pdf dell’inno del Giubileo
Dal sito ufficiale, l’mp3 dell’Inno del Giubileo

21 Ott

Giubileo della Misericordia | Calendario Grandi Eventi | Marzo 2016

Giubileo della Misericordia Calendario Marzo 2016

Giubileo della Misericordia – La Basilica di San Pietro in Vaticano – Immagine tratta da Wikipedia, caricata dall’utente Livioandronico2013 sotto licenza CC BY-SA 4.0

Giubileo della Misericordia – Il Calendario dei Grandi Eventi a Roma è particolarmente scarno, nel mese di marzo 2016. Cosa che, fra l’altro, dovrebbe dare un po’ di respiro alla Capitale, diluendo il flusso dei pellegrini.

L’unico evento al momento calendarizzato a marzo è però una maratona di 24 ore.

Dal 4 al 5 marzo 2016 si tiene l’evento chiamato 24 ore per il Signore.
Il 4 marzo, alle ore 17, è prevista la celebrazione penitenziale, che verrà presieduta direttamente da Papa Francesco nella Basilica di San Pietro.

17 Ott

Dove dormire a Roma per il Giubileo?

Dove dormire a Roma per il Giubileo della Misericordia

Trovare allogio a Roma per il Giubileo della Misericordia? Diciamolo: non sarà un’impresa semplice per tutti, soprattutto in concomitanza con i Grandi Eventi previsti dal calendario.

Ragion per cui il suggerimento è quello di prenotare prima possibile, una volta che si sarà deciso il periodo di soggiorno.

È ovvio, dunque, che si debbano tentare varie strade per trovare una sistemazione adeguata.

Una di queste può essere quella di utilizzare un servizio di comparazione delle offerte come quello di Hotels Combined, per esempio.

Ci sono, naturalmente, svariate opportunità abitative, nella Capitale italiana: da hotel a bed & breakfast, sono per tutti i gusti e per tutte le tasche, anche se è lecito ipotizzare che a ridosso dell’evento – e in particolare delle singole date dei Grandi Eventi – i prezzi tenderanno a salire. E probabilmente, in ogni caso, le disponibilità continueranno a scendere.

Ora, magari vorresti sapere come trovare un buon hotel a Roma. Ma suggerirlo è un’impresa davvero complicata: bisogna semplicemente cercare, valutare e poi leggere attentamnte i pareri che sono stati lasciati sul web a proposito della sistemazione che stai valutando (anche se ormai bisogna pure avere la capacità di distinguere la recensione vera da quella finta.

(in aggiornamento)