17 Ott

Volontari per il Giubileo: modulo e FAQ

Giubileo della Misericordia, diventa volontario

Giubileo della Misericordia: ecco una delle domande che si trovano nel modulo per partecipare come volontario al grande evento della Chiesa cattolica. Il modulo si trova sul sito ufficiale.

Se cerchi il modulo per diventare volontario per il Giubileo della Misericordia? Ebbene, il modulo da compilare si trova qui. È stato pubblicato ieri, 16 ottobre 2015, ed è funzionante e attivo per raccogliere le iscrizioni degli aspiranti volontari.

Come spiega il sito ufficiale, procurati:

– la scansione di un documento di Identità (formati accettati: PDF o JPG)
– la scansione di una foto tipo fototessera (formati accettati: JPG, PNG o GIF). Deve essere ben visibile il volto
– la scansione di una lettera di presentazione fatta dal Parroco o dal Responsabile della realtà a cui si appartiene (formati accettati: PDF o JPG)

Il modulo va compilato in ogni sua parte con tutti i propri dati.

Vengono poi richieste eventuali conoscenze linguistiche e anche vecchie partecipazioni a titolo volontaristico ad altri avvenimenti, come per esempio il Giubileo del 2000, l’Anno della Fede o Giornate mondiali della Gioventù.

Volontari per il Giubileo: l’invito di Mons. Fisichella

Nel video, Monsignor Fisichella invita “tutte le persone di buona volontà a dare la propria disponibilità per diventare volontari del Giubileo della Misericordia”.

Volontari per il Giubileo: FAQ

Come si diventa volontari per il giubileo?

Come si diventa volontari per il Giubileo? Secondo le informazioni contenute sul sito ufficiale, per diventare volontari è necesssario che il parroco o il coordinatore del movimento ecclesiale cui si appartiene inviino una lettera di presentazione.
I seminaristi possono farsi segnalare da rettori o formatori.

Quando sarà disponibile online il modulo per diventare volontari? A partire dal mese di settembre 2015 ci sarà un modulo Diventa volontario, disponibile online.

Quali documenti servono per diventare volontari per il Giubileo? Nella sezione del sito riservata, quando la vostra domanda sarà stata accettata, dovrete caricare:
– una foto formato tessera
– un documento di identità valido
– il visto (se necessario)
– ulteriori informazioni

Chi può diventare volontario per il Giubileo? Tutti gli italiani e stranieri dai 18 anni in su che possono offrire la propria disponibilità per almeno una settimana (o 4 giorni, in caso di grandi eventi, di cui occorre tener d’occhio il calendario).

Ci sono requisiti particolari richiesti? Sarebbe auspicabile che i volontari conoscessero più d’una lingua per assistere chi arriverà dall’estero e naturalmente è richiesta la conoscenza dell’italiano.

Cosa deve fare il volontario? Assisterà i pellegrini in visita a Roma; li accoglierà ai punti di ritrovo; fornirà indicazioni sui servizi; li accompagnerà sui percorsi riservati per l’accesso alle Basiliche Papali, per l’accesso alla Porta Santa, per le preghiere nelle Basiliche.

Chi deve occuparsi del visto per il volontario? Il volontario stesso, se ne ha necessità. Il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, nel caso, si occuperà di rilasciare al volontario un’attestazione circa i motivi del viaggio.

Che spese deve sostenere il volontario? Solamente quella del visto e quella del viaggio per e da Roma. per il resto, il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione provvederà a vitto, alloggio, trasporti pubblici locali nella città di Roma e copertura assicurativa contro gli infortuni in servizio.

Come posso avere più informazioni? Basta scrivere una mail a volunteers@im.va

Il viaggio per raggiungere Roma è pagato? No. Il volontario dovrà provvedere autonomamente.

Aggiornamento
: il modulo per diventare volontari per il Giubileo sarà disponibile online da ottobre 2015. Nel frattempo è operativa la mail volunteers@im.va.

17 Ott

Calendario Grandi Eventi Giubileo della Misericordia, febbraio 2016

Mercoledì delle Ceneri - Giubileo della Misericordia - Caledario grandi eventi - febbraio 2016

Mercoledì delle Ceneri – Giubileo della Misericordia – Caledario grandi eventi – febbraio 2016

Il calendario del Giubileo della Misericordia prevede solamente due grandi eventi nel mese di febbraio 2016.

10 febbraio – 2016 – È il giorno dell’Invio dei Missionari della Misericordia, presso la Basilica di San Pietro a Roma.
Sarà Mercoledì delle Ceneri, ovvero il mercoledì che precede la prima domenica di quaresima Giorno delle ceneri o, più semplicemente, le Ceneri), si intende il mercoledì precedente la prima domenica di quaresima, giorno di digiuno e di astinenza dalle carni per i riti latini (il rito ambrosiano, come noto, ha un calendario differente).

22 febbraio 2016 – È il Giubileo della Curia Romana, del Governatorato e delle Istituzioni collegate alla Santa Sede. Alle 12 è prevista la Santa Messa con il Santo Padre nella Basilica di San Pietro.

06 Set

Giubileo Roma lavori e cantieri

Giubileo della Misericordia - Il Piano interventi nel Comune di Roma. Lavori e cantieri

Giubileo della Misericordia – L’immagine è la copertina del documento reso pubblico sul sito ufficiale del Comune di Roma, con l’elenco dei primi interventi previsti e i costi dei lavori

Il Giubileo della Misericordia porta con sé, come ovvio, una serie di lavori Roma. La Capitale, che sta vivendo un lungo momento di difficoltà dovuto ai noti e recenti fatti di cronaca, dovrà tentare di farsi trovare pronta all’evento, minimizzando, se possibile, i disagi per i cittadini.

Sul sito ufficiale del Comune di Roma si può trovare una prima mappatura dei lavori previsti.

Il primo lotto di lavori può partire visto che il Governo ha sbloccato da patto di stabilità 50 milioni di euro lo scorso 14 agosto. La cifra si somma ai 150milioni di euro già sbloccati in precedenza. Questi lavori andranno conclusi entri il 31 dicembre (comunque a Giubileo già iniziato, visto che l’apertura della Porta Santa è prevista per l’8 dicembre).

Cantieri a Roma per il Giubileo

Partono nel mese di settembre i cantieri per il Giubileo. Per la precisione, il 7 settembre 2015.

Si comincia dalla Stazione Termini, con tre strade, via De Nicola, via Giolitti e via Marsala, dalle quali verranno rimossi i sampietrini. Prevista chiusura al traffico, solo parziale, per via Marsala, e solo per un breve periodo. Grandi stazioni amplierà di 40 posti il parcheggio per i viaggiatori.

Piazza Venezia e Via Nazionale: rimozione dei sampietrini per via Nazionale. Verranno, invece, sistemati nella PIazza.

Sono in programma: riqualificazioni in zone pregiate, in via Zanardelli, via della Mercede, piazza della Repubblica, via del Banco di Santo Spirito, via Cesare Battisti, via IV Novembre, Largo Magnanapoli, viale delle Mura Latine, viale di Porta Ardeatina, via Appia Antica e largo dei Martiri delle Fosse Ardeatine. Previsti interventi su pavimentazione stradale, marciapiedi, caditoie, segnaletica per le zone di ingresso a Roma su rotaia (riqualificazione delle aree delle Stazioni di San Pietro e Ostiense); per i collegamenti delle aree basilicali (riqualificazione di Via delle Fornaci e di piazza di Porta Cavalleggeri). Manutenzione straordinaria, invece, sull’asse da Lungotevere Diaz fino a Lungotevere Testaccio.

È previsto poi il rifacimento della pavimentazione e della segnaletica per i ponti sul Tevere (Cavour, Umberto I, Sant’Angelo, Vittorio Emanuele) e nella galleria Principe Amedeo di Savoia-Aosta.

Altri Lavori a Roma per il Giubileo

Percorsi pedonali giubilari – Prevista la realizzazione di appositi percorso senza barriere architettoniche.

Bagni pubblici – Attivazione o riattivazione.

Verde pubblico – Ripristino di sentieri, sagumatura delle siepi, cura della vegetazione, sistemazione di muretti, nuovi arredi nei giardini a Castel Sant’Angelo, in quelli della Basilica di San Giovanni in Laterano, in quelli di Santa Croce in Gerusalemme e di San Paolo fuori le mura.
Intervento speciale sul Colle Oppio.

Chiese – La chiesa di Santa Maria Iosefa sarà oggetto di un intervento specifico.

Trasparenza e controlli

Gli interventi sono gestiti mediante gare con il Siproneg. Sono previsti inoltre controlli a sorpresa nei cantieri in corso d’opera, affidati a una struttura dedicata.

02 Set

The Jubilee and Rome: guidebooks

Rome Jubilee The Jubilee is also an occasion to enjoy Rome, the Italian capital, a city of great charm with its beauties and its contradictions.

Lonely Planet Discover Rome
– It is ideal for those going to Rome for the Jubilee (and more). Itineraries on foot, overnight stays, city and subway maps, time planning and attractions for kids.

Rome – by Duncan Garwood – Lonely Planet
is the Lonely Planet guide, with handy suggestions to plan your trip and information about Rome’s rioni and itineraries: the ancient Rome, Historical centre, the Tridente, Trevi and the Quirinal, the Vatican City, Borgo and Prati, Monti Esquilino and San Lorenzo, Trastevere and Gianicolo. From San Giovanni to Testaccio, Rome South, Villa Borghese and Rome North. Il Giubileo è anche un’occasione per godersi la capitale italiana, una città che ha sempre un fascino enorme, tutta da scoprire, con le sue bellezze e le sue contraddizioni.

02 Set

Giubileo a Roma: le guide turistiche

Il Giubileo è anche un’occasione per godersi la capitale italiana, una città che ha sempre un fascino enorme, tutta da scoprire, con le sue bellezze e le sue contraddizioni.

Roma zoom Il meglio di Roma per viaggi brevi (dal giorno alla settimana). L’ideale per chi andrà nella capitale per il Giubileo (e non solo). Itinerari a piedi, pernottamenti, cartine della città e della metropolitana, pianificazione del tempo e luoghi di interesse per i bimbi.

Viaggio a Roma. Guida magica per ragazzi Una guida speciale per ragazzi (ma anche per adulti). La voce narrante è di Francesco, 13 anni: guida il lettore alla scoperta dei luoghi più belli e famosi ma anche di quelli curiosi e di una Roma che spesso è sconosciuta.

Roma e Città del Vaticano. Archeologia, palazzi, chiese, rioni, piazze, mercati. Con guida alle informazioni pratiche Classica, imprescindibile guida del Touring Club Italiano. Contiene 25 itinerari di visita, imperdibile per organizzare un viaggio alla perfezione. Guide per alberghi e ristoranti, per il tempo libero e persino per lo shopping.

Roma di Duncan Garwood. È La guida Lonely Planet, con suggerimenti per la pianificazione del viaggio e poi consigli pratici per vari quartieri e percorsi: Roma antica, Centro storico, Tridente, Trevi e il Quirinale, Città del Vaticano, Borgo e Prati, Monti, Esquilino e San Lorenzo, Trastevere e Gianicolo, Da San Giovanni a Testaccio, Roma Sud, Villa Borghese e Roma Nord.

30 Ago

I libri sul Giubileo

Libri sul Giubileo Il Giubileo ha una storia antica, che affonda le proprie radici più    “recenti” addirittura nel 1300: fu quello il primo anno giubilare ufficiale.

Per questo motivo, la bibliografia sul tema giubilare è molto ricca e articolata. Ecco una selezione dei libri più belli e più importanti sul tema.

Il Vangelo di Maria. Per un Giubileo di misericordia Papa Francesco spiega le ragioni del Giubileo della misericordia, con la sua voce narrante. La storia è quella di Maria di Nazareth. Una storia nota, ma raccontata in maniera inedita, da Jorge Bergoglio. È proprio Maria di Nazareth la figura principale dell’insegnamento della misericordia a cui il Papa ha dedicato il nuovo Giubileo.

I giubilei. Roma: il sogno dei pellegrini Questo testo è del 1999, propedeutico, dunque, al Giubileo del 2000, ma per la sua “mole” e per la ricerca storica che contiene è da riproporre assolutamente anche oggi. Dagli antefatti del Giubileo ebraico agli ultimi anni del ‘900, la storia articolata, complessa della politica della Chiesa, con saggi di Jacques Le Goff, Arnold Esch, Giuseppe Alberigo, Claudio Strinati, Franco Cardini.

Il Giubileo della misericordia Monsignor Tommaso Stenico (che ha già pubblicato, fra l’altro, Il vocabolario di Papa Francesco), in questo volume sul giubileo, tutti gli strumenti per arrivare preparati all’evento più importante del mondo cattolico. Dalla storia del Giubileo ai riti, fino al significato del concetto di misericordia.

30 Ago

Calendario Grandi Eventi Giubileo della Misericordia, dicembre 2015

giubileo 2015 - Il calendario degli eventi nel mese di dicembre

Ecco tutte le date di tutti i grandi eventi del Giubileo della Misericordia, secondo il Calendario ufficiale del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, per il mese di dicembre 2015

Calendario Grandi Eventi dicembre 2015

8 dicembre 2015, dalle ore 9:30 alle ore 12:30.– Apertura della Porta Santa di San Pietro.
Roma, Piazza San Pietro (visualizza in Google Maps).
Solennità dell’Immacolata Concezione
Santa Messa di apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro.

Solennità dell’Immacolata Concezione

12 dicembre 2015 – Celebrazione eucaristica per l’America Latina
Festività di Nostra Signora di Guadalupe – Roma, Basilica di San Pietro.

13 dicembre 2015 – Apertura della Porta Santa della Basilica di S. Giovanni in Laterano (alle ore 9.30), di San Paolo Fuori le Mura (alle ore 17.00) e nelle Cattedrali del Mondo.
Roma, San Giovanni in Laterano e San Paolo Fuori le Mura

27 dicembre – Giubileo della Famiglia
Roma, San Pietro

11 Apr

Jubilee bull, Misericordiae Vultus – April 11th, 2015 (live video recording)

April 11th, 2015: presentation of the papal bull with which Pope Francis will officially proclaim the Jubilee.
The bull’s title is Misericordiae Vultus.

As announced, it will be possible to receive the indulgence also if not in Rome.

In his bull, Pope Francis declares he chose this symbolic date, December 8th, 2015 since it is the 50th anniversary of the end of the 2nd Vatican Council.

The Misericordiae Vultus bull was published on the official Vatican website at the beginning of the ceremony.

Extraordinary Jubilee bull

Bolla Giubileo 2015-2016

Jubilee bull – The bull which proclaims the Jubilee of Mercy was announced on March 13th and publicly confirmed on April 11th, 2015 in a ceremony which started at 5.30 p.m. in Saint Peter’s Basilica.

The ceremony started with the Pope reading the bull right in front of the Holy Door. Then, Pope Francis officiated the first vespers of the Divine Mercy Sunday and highlighted the main topic of the extraordinary Holy year.

Read More

11 Apr

Bolla Giubileo, Misericordiae Vultus – 11 aprile 2015 (Diretta video)

11 aprile 2015: oggi è prevista la pubblicazione della Bolla con la quale Papa Francesco convocherà ufficialmente il Giubileo.

La Bolla si intitola Misericordiae Vultus.

L’indulgenza, come annunciato, si potrà ottenere anche fuori da Roma.

Nella bolla, Papa Francesco dice di aver scelto volutamente questa data simbolica dell’8 dicembre 2015, perché si celebra il 50° anniversario della fine del Concilio Vaticano II.

La bolla Misericordiae Vultus è stata pubblicata, all’inizio della celebrazione, sul sito ufficiale del Vaticano.

Bolla Giubileo straordinario

Bolla Giubileo 2015-2016

Bolla Giubileo – La Bolla d’indizione del Giubileo della Misericordia, dopo l’annuncio del 13 marzo, verrà resa pubblica da Papa Francesco l’11 aprile 2015 in un rito che comincerà alle 17.30 nella Basilica di San Pietro.

In apertura della celebrazione, si provvederà alla lettura di alcuni brani della Bolla, proprio davanti alla Porta santa. Poi Papa Francesco, presiendendo i primi vespri della Domenica della Misericordia, sottolineerà il tema fondamentale dell’anno santo straordinario.
Read More

01 Apr

What is Indulgence? The historical explanation

Before explaining the meaning of indulgence according to the catholic religion, it is important to start from the concept of Sin. Every time a worshipper offends God, disregarding his teachings, he commits a Sin. There are two different categories: the original and the actual Sin.

The original Sin was committed by Adam who disobeyed God and it is inherited by each man at his birth and cancelled through the sacrament of Baptism.

The actual Sin, on the other hand, is committed willingly through “thoughts, words, deeds and omissions” and it is divided into two further categories: the mortal and the venial Sin.

The mortal and the venial Sin

The mortal Sin consists of a severe disobedience to the law of God, committed with resolute will. Cursing against God, not taking part in the Sunday church service and adopting a lifestyle against the Christian precepts are some examples of mortal Sins. The only way to re-earn God’s mercy after committing a mortal Sin is to rue through sacramental confession.

The venial Sin also consists of a disobedience to the law of God but with no awareness nor consent when committing the Sin. In this case, regret and good deeds are sufficient to prove repentance with no need to draw upon the sacramental confession.

What is the temporal punishment?

A Sin always implies a detachment from God and therefore the eternal punishment which can be cancelled through the sacramental confession. To obtain true forgiveness it is necessary to purify the soul by an atonement consisting in the temporal punishment. A sinner who proves sincere repentance can have the consequences of his sin cancelled thanks to the doctrine of indulgence.

What is indulgence? Historical overview

What is indulgence? Historical overview

The history of indulgence in catholic religion

Indulgence is a total or partial absolution of the temporal punishment. Its implementation has changed throughout time and can be divided into four main phases. Initially, from the apostolic age to the 8th century, indulgence could be obtained through martyrs’ supplication at the point of death.

They asked the bishops to cancel the temporal sin of one or more penitents in their writings (supplices belli Martyrum). The martyrs’ sacrifice relieved the sinners from the burdensome path of public penance to obtain the redemption of sins. Also those who had refused faith and were condemned to severe punishments could ask the bishops indulgence sending them a sort of recommendation letter (libellum pacis) by means of their confessors. Since the 8th century, punishments became less strict and, above all, the path of penance became private, allowing also those who took part in Crusades or in a pilgrimage such as the first Jubilee to obtain Indulgence. In that occasion Pope Boniface VIII gave indulgence to pilgrims visiting Saint Peter’s and Saint Paul’s Basilicas. The third phase goes from the 14th to the 16th century when the Church overindulged in giving indulgences that were often bought with money that was supposed to represent the sinners’ repentance. Exactly those indulgences obtained through money payment led Martin Luther to start his Protestant Reformation (1517). The catholic Church put an end to “the market for indulgences” at the Council of Trent (1545-1563) which was convened in the attempt to reconcile the catholic and the protestant Churches forbidding the collecting of aims and repealing the figure of professional pardoners (quaestores in Latin).

The forth and last phase is the contemporary age which started with the Council of Trent and was reaffirmed by Pope Paul VI’s Reform (1967) which definitively ruled the concession of indulgences by means of the “Indulgentiarum doctrina et usus”.

Plenary and partial indulgence

Plenary indulgence (from Latin plenus) frees the sinner from the whole burden of the temporal punishment hailed from his sins. It is an extraordinary concession given in special occasions such as the Jubilee, or during a papal election as it happened for Pope Francis. Before 2000, to receive Indulgence, believers had to be physically present in Saint Peter’s square at the moment of the new Pope’s benediction or go to Rome during a Jubilee and visit Saint Peter and Paul’s Basilicas. John Paul II put an end to this custom, granting plenary indulgence also to those connected via Radio or Television

Partial indulgence is given by the ecclesiastical authority to those sinners who proved to have distanced themselves from the evil by asking for God’s forgiveness, by making themselves at the service of the others or by willingly deprive themselves of a pleasure, proving their spirit of sacrifice in the name of God.

Plenary Indulgence: how it works

In order to receive the plenary indulgence you must be catholic and baptised, of course, and therefore freed from Adam’s original Sin. You must also confess and take part in the Holy communion within 7 days before or after the benediction. Obviously, praying according to the Pope’s intentions is also essential.